Posted on Lascia un commento

Come rinnovare casa mettendo un pavimento nuovo sul vecchio

rinnovare casa mettendo un pavimento nuovo sul vecchio

Rinnovare casa – Quarta mossa: Il pavimento

A volte, parafrasando, si paragona la casa ad una bella donna. In questo modo, è facile immaginare le pareti come fossero il suo abito, e i pavimenti come le scarpe. E ancora più facile, diventa il capire che se le calzature sbagliate possono far sfigurare anche il vestito più bello, allo stesso modo i  pavimenti di casa, sono altrettanto capaci di far sfigurare tutto il resto. Ma, niente paura! Ho pronta la soluzione che fa per te; e sappi che anche questa, è alla tua portata.

Metti il pavimento nuovo sopra il vecchio, senza demolire niente

rinnovare casa mettendo un pavimento nuovo sul vecchioTi stai chiedendo come è possibile? Semplicemente mettendo un pavimento nuovo sul vecchio! Facile no? D’altronde, ormai, le possibilità sono davvero tante e tutte molto semplici. Per procedere alla posa dei nuovi pavimenti, infatti, non è più indispensabile demolire i pre-esistenti,  e tutte le differenti scelte, possono essere messe in opera con la tecnica del “fai da te”. Con un risparmio di denaro, davvero considerevole. Ad ogni modo, prima di capire quale può essere il tipo di pavimento più adatto per la tua casa, o per ogni singolo ambiente di essa, ci sono delle azioni preparatorie che dovrai prendere in considerazione a prescindere dalla scelta finale

La fase preparatoria

  • Sposta tutti i mobili che poggiano a terra in un’altra stanza
  • Togli i battiscopa.
  • Sfila le ante delle porte (se sei fortunato non dovrai nemmeno tagliarle)
  • Rimuovi i coprifili dal telaio delle porte
  • Togli il telaio dal suo vano porta

Una verifica importante

Arrivato a questo ultimo punto, prima ancora di spostare il telaio-porta dal suo alloggiamento, verifica se, tra questo e il suo controtelaio in abeterinnovare casa mettendo un pavimento nuovo sul vecchio (l’opera morta), esista uno spazio sufficiente ad assorbire lo spessore del pavimento che andrai a posare. Normalmente, tra telaio e controtelaio, rimane un piccolo spazio, che risulta utile in fase di installazione (vedi foto a lato). In quel gioco superiore, infatti, l’installatore posiziona i suoi cunei di legno, per tenere fermo e in piedi il telaio, prima di fissarlo con le viti.

Uno spazio strategico

Misura questo spazio (in genere intorno ai 10/15 mm) e se vedi che è capiente ad accogliere il nuovo pavimento, ti puoi considerare fortunato! Una volta posato il pavimento nuovo, infatti, non dovrai far altro che rimontare il telaio al nuovo livello e il gioco è fatto. In caso contrario, invece, ti dovrai preoccupare di accorciare sia il telaio, che l’anta e i coprifili, dello spessore del pavimento oltre a quei pochi millimetri occupati dalla colla, o da un eventuale tappetino sottostante.

Nel caso poi, visto che ti ritrovi con le porte completamente smontate, ti venga voglia di dargli una riverniciata, scopri qui come procedere per verniciare le porte in legno.

Per finire

Ultima mossa, prima di cominciare con la posa della nuova superficie, lava bene il vecchio pavimento ed elimina con cura qualsiasi residuo di polvere o altro.

Adesso puoi finalmente procedere con la posa della pavimentazione. Scegli qua sotto il tipo di superficie che ti interessa e prosegui la lettura, per scoprire come procedere per una corretta applicazione.

  1. Legno/laminato/bamboo per posa con tecnica flottante

  2. Pvc e vinilici con posa autoadesiva

  3. Moquette da incollare sul vecchio pavimento

Scopri cos’altro puoi fare per rinnovare la tua casa

Rinnovare casa mettendo un pavimento nuovo sul vecchio, è solo una fra la serie di mosse che hai a disposizione per cambiare il look alla tua vecchia abitazione. Consulta le schede sotto per scoprire le altre. Buona lettura

Bye bye 😉

 

La luce: come rinnovare casa agendo sull’illuminazione
Le tende: come rinnovare casa cambiandole
Le pareti: come rinnovare casa cambiandogli colore
I dettagli: come rinnovare casa con i complementi d’arredo

 

 

Ti potrebbe essere utile leggere anche:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *